PAROLA D’ORDINE: EQUILIBRIO

Oggi, dopo aver fatto 15 gol e subito solo 1, la Roma si può dire che è tornata se stessa, eppure qualcosa stona. L’ambiente sembra risollevato, ma come è possibile che dopo solo 4 partite, da squadra di brocchi, Monchi che toppa tutto il calciomercato e Pallotta che deve andarsene, tutto ad un tratto i problemi della Roma sono spariti.

La verità è che il tifoso, in particolar modo quello della Roma, non ha molto equilibrio e probabilmente essendo un tifoso emozionale, giudica tutto di pancia e con grande passione(mi ci metto anche io dentro a tutto questo).

Ma voglio anticipare un po i tempi e dare dei giudizi che probabilmente saranno le parole che molti, con calma e sangue freddo,  riporteranno senza preoccuparsi della forma.

“Abbiamo una squadra senza esperienza”, “paghiamo poco e nessuno vuole restare”, “non c’è nessuno che mette in riga i giocatori”, “il DS ha sbagliato tutto” e chi più ne ha più ne metta. Se portare queste frasi a circa 3/4 anni da oggi, i soggetti in questione saranno, i Kluivert, i Pellegrini(tutti e due), gli Under, i Coric, i Zaniolo ecc, probabilmente saranno tutti in pianta stabile in prima squadra e i meriti di chi saranno? Forse del DS che li ha comprati…o dell’allenatore di turno(spero Di Francesco)? Parliamo tutti troppo presto..nel calcio per diventare forti, bisogna aspettare, provare, giocare, sbagliare e giocare di nuovo fino ad avere più coscienza delle proprie abilità e fino a quando non si acquisisce un’esperienza tale da entrare sempre in campo con sicurezza e mostrando tutto il proprio talento. Si arriverà mai a Roma a pensare e a ragionare attendendo le cose e dando fiducia?

Spero di si…magari con un pizzico di equilibrio in più.

🔥8
Ti è piaciuto l'articolo? Condividi e metti mi piace
David De Maria

David De Maria

Appassionato tifoso della Roma e grande conoscitore dello sport in generale. Scrive di calcio e interviene come opinionista in diverse radio dedicate allo sport nella regione Lazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *